Studio Tavalazzi Comunicazione

Agenzia di comunicazione, marketing e organizzazione eventi

La lingua, le parole, sono utili a dir qualcosa, altrimenti come diceva Calvino è antilingua inesistente. Un parlare che dovrebbe essere compreso da tutti. Vale per la politica, per le imprese, per il sociale. Amare il parlare – averne cura intendo – “spolverare" le parole che si usano ogni giorno, fa si che si crei un rapporto di familiarità e di rispetto con il linguaggio. Una attenzione per chi ci legge, per chi ci ascolta. Solo così la lingua diventa mezzo potente (e sano) di comunicazione.

Pamela Tavalazzi

I nostri servizi

Comunicazione sociale, politica, d’impresa


L’importanza delle sfumature.
I processi, la complessità, le differenze.

Ufficio stampa


I comunicati, innanzitutto. Sintesi, chiarezza, semplicità.
La cura delle relazioni con la stampa, l’etica della parola.

Pianificazione strategica


Una perfetta strategia è la leva fondamentale per un progetto di successo.

Progettazione grafica


Colori, immagini, forme.
Le idee diventano identità digitale. Diventano brand.

Web design


Siti responsive e dinamici.
Una vetrina nel mondo, accessibile, veloce, unica.

SEO, Web Adv, Social Media


Belli fuori, belli dentro.
Questo è il requisito per emergere nella marea del web. Per farsi trovare.

Copywriting e Web copywriting


L’uso della parola è arte.
Informare, emozionare, comunicare per dialogare con tutto il pubblico, anche il più sofisticato.
Sul web, fuori dal web.

Video, mapping 3D e fotografia


L’innovazione, l’emozione, l’alta professionalità.
Cosa, chi, come e perché di un prodotto.
“Raccontiamo una storia. La tua storia”.

Organizzazione eventi


Idea, progetto, fattibilità.
L’evento che crea identità.
La tua identità.

Blog

Ieri, domenica. Dormo fino a tardi, e mi sveglio senza sveglia. Un privilegio che amo da sempre considerare privilegio, quando…

Non sono solita entrare in chiesa durante la messa, ma adoro le chiese. Le amo per il loro silenzio pesante…

Prima era l’informazione unidirezionale: tu dicevi, io assorbivo (carta, radio, tv). Poi siamo passati alla comunicazione – io dico, tu…